"> Master in counseling - AICIS Bologna

Master in counseling 2019-2020

La prossima edizione partirà il 23-24 novembre 2019

Il counseling è un’attività professionale di sostegno e orientamento, che aiuta singoli e gruppi a sviluppare e promuovere le proprie risorse al fine di affrontare in modo funzionale difficoltà momentanee legate a situazioni specifiche.

L’obiettivo è quello di acquisire una maggiore consapevolezza dei propri bisogni, desideri, aspirazioni ed aiutare i clienti a procedere verso azioni più consapevoli e funzionali al proprio benessere in merito al tema affrontato. Il concetto di benessere è in continua evoluzione, i cambiamenti sociali, il mutamento degli stili di vita e relazionali nonché delle condizioni materiali ne ridisegnano costantemente i confini e ci interrogano su priorità, valori e istanze individuali e collettive.

Per questo motivo il counseling è una risposta alla necessità di riconoscere se stessi e la propria relazione con l’ambiente, a prescindere dal concetto di cura e rimette al centro le potenzialità che ogni individuo possiede per far fronte alle proprie difficoltà.

Riportiamo di seguito la definizione di Assocounseling, approvata dall’assemblea dei soci in data 2 aprile 2011:

“Il counseling professionale è un’attività il cui obiettivo è il miglioramento della qualità di vita del cliente, sostenendo i suoi punti di forza e le sue capacità di autodeterminazione.

Il counseling offre uno spazio di ascolto e di riflessione, nel quale esplorare difficoltà relative a processi evolutivi, fasi di transizione e stati di crisi e rinforzare capacità di scelta o di cambiamento.

E’ un intervento che utilizza varie metodologie mutuate da diversi orientamenti teorici. Si rivolge al singolo, alle famiglie, a gruppi e istituzioni. Il counseling può essere erogato in vari ambiti, quali privato, sociale, scolastico, sanitario, aziendale.”

Counseling Umanistico Esistenziale Integrato

Il modello umanistico-esistenziale integrato, adottato e ridefinito nel corso dell’esperienza Aicis, nasce dalla forte motivazione a promuovere una cultura del counseling come pratica specifica, professionale e di valore per il nostro tempo. Il counseling è inteso come professione e come strumento a servizio di persone e professionisti che animano lo scenario complesso della postmodernità, uno scenario che sembra richiedere azioni capaci di rimettere al centro, in modo radicale, il potere personale (Rogers C., 1977) di ciascuno.

L’approccio umanistico-esistenziale è adottato come polo prioritario di integrazione sia in qualità di luogo d’origine del counseling sia per il suo configurarsi come filosofia dell’esistenza capace di dare senso alle tracce d’integrazione che il nostro modello esplicita e sviluppa durante la formazione triennale

La considerazione del soggetto, ovvero di ogni persona, come  esistenza tesa alla realizzazione delle sue potenzialità è il paradigma centrale della visione umanistica-esistenziale, tale paradigma articola infatti in modo trasversale diversi approcci e teorie proponendo una visione non deterministica dell’uomo e della sua capacità di dar forma alla sua vita.

Sintesi dei contenuti teorici proposti

  • Introduzione alla Psicologia Umanistico-Esistenziale
  • La figura professionale del counselor – Elementi di Counseling – Storia del Counseling
  • Rogers: L’approccio non direttivo, l’ascolto partecipativo, l’empatia affettiva congruente
  • Carckhuff: Esplorazione, Comprensione, Azione
  • Teoria e Tecniche della Comunicazione
  • Setting e regole del contratto di counseling
  • Alleanza operativa e motivazione nella relazione di counseling
  • Teoria del Sè – La scrittura come tecnica per l’autosostegno
  • Neurofisiologia delle emozioni e loro utilizzo nel counseling
  • Salutogenesi: processi di potenziamento e benessere
  • Empowerment individuale e di comunità
  • Costruire la resilienza nel counseling
  • Teoria della Gestalt e sua integrazione con l’approccio Fenomenologico Esistenziale
  • Riconoscere le transazioni nella relazione di counseling
  • Enneagramma
  • Approccio cognitivo nel counseling
  • Il counseling Breve in azione
  • La funzione educativa e sociale del counseling: interventi sul territorio
  • L’utilizzo della metafora nel colloquio di counseling
  • L’intelligenza Emotiva
  • Assertività e Autoefficacia
  • Counseling di gruppo
  • Bilancio di competenze e stile personale del counselor
  • Etica e Deontologia Professionale

Valorizzando la creatività di ciascuno e la capacità dei singoli professionisti di aprire nuovi campi di intervento, l’Aicis adotta una visione dei counselor come professionisti riflessivi (Schön D., 1993) e catalizzatori di cambiamento (Carta di Assago, 2016) a livello personale, professionale e sociale.

Metodologia di apprendimento esperienziale

La formazione esperienziale

La possibilità per gli aspiranti counselor di apprendere praticando, nonché  di  essere coinvolti in un’esperienza di auto-osservazione e di riflessione personale in merito ai temi trattati.
Attraverso metodi attivi che favoriscono l’esperienza e l’apprendimento diretto, la formazione esperienziale consente di ricevere feedback immediati su se stessi , sulla relazione con l’altro/a  e sulle dinamiche del colloquio individuale e di gruppo.

La metodologia di apprendimento

E` di tipo esperienziale e consente di imparare praticando: attraverso seminari, stage di addestramento, esercitazioni teorico-pratiche, si apprende una migliore gestione della comunicazione e dell’emotività.

Più pratica guidata

Il 40% del monte ore è dedicato alle lezioni teoriche, il 60% alla pratica guidata.

Luogo e modalità

Il master si svolge presso la sede AICIS di Bologna e vi si accede previo colloquio di orientamento e informazione. Il master è così articolato:

PRIMO ANNO: 120 ORE
  • 10 fine settimana intensivi (sabato 15.00 – 19.00, domenica 09.00 – 18.00)
SECONDO ANNO: 170 ORE
  • 10 fine settimana intensivi (sabato 15.00 – 19.00, domenica 09.00 – 18.00)
  • 50 ore di formazione intensiva
    (5 giorni consecutivi nella seconda metà di luglio da sabato a mercoledì)
TERZO ANNO: 160 ORE
  • 5 fine settimana intensivi (sabato 15.00 – 19.00, domenica 09.00 – 18.00)
  • 5 domeniche (09.00 – 18.00)
  • 50 ore di formazione intensiva
    (5 giorni consecutivi nella seconda metà di luglio da sabato a mercoledì)
  • 10 ore di elaborazione tesi finale.
150 ORE DI TIROCINIO
  • Dalla fine del secondo anno si effettueranno, inoltre, 150 ore di tirocinio.

Diploma

Il corso è riconosciuto da Assocounseling.

A tutti i partecipanti che non abbiano superato il 10% di assenze verrà rilasciato, previo superamento delle verifiche previste dal piano di studi, il Diploma di: Master in Counseling Umanistico-Esistenziale Integrato.

Il master in Counseling Umanistico Esistenziale Integrato consente, dopo il superamento di un apposito esame di valutazione professionale, l’iscrizione al Registro Italiano dei Counselor di AssoCounseling ed il contestuale rilascio del Certificato di Competenza Professionale in Counseling.

Quota

Master in counseling

la quota è di € 1850,00 per ogni annualità

La quota è rateizzabile fino ad un massimo di 10 rate mensili di € 185,00

Per chi versa la quota in un’unica soluzione si applica la riduzione del 5%.

La quota non comprende le 50 ore di formazione intensiva alla fine del secondo e del terzo anno
(€ 400,00 per annualità)

Direttirce didattica: Edda Di Tardo
Psicologa, Psicoterapeuta e Gestalt Counselor, svolge attività libero professionale. Presidente e direttore didattico AICIS Promuovere comunità empatiche- sede di Bologna. Dal 1998 al 2011 ha svolto attività di formazione come direttore didattico, trainer e supervisore per counselor, sul territorio nazionale. Le sue esperienze come formatrice e conduttrice di gruppi si stendono in diversi settori applicativi: aziende sanitarie, scuole, istituti privati.

Master in Counseling Umanistico Integrato anno 2019-2020

 

inizio del corso 23-24 novembre 2019

 
 
 

 
 
 
 
Telefono: +39 (051) 644-4808

E-Mail: info@aicisbologna.it